On Air Stiamo trasmettendo:
Supercompilation

Parola di DJ

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



MACHINE HEAD Unto The Locust

 

Anno di pubblicazione: 2011

Provenienza: Usa

Genere: groove thrash metal. Cosa voglia dire, lo sanno altro che loro

Voto: ****1/2

Brano migliore: I Am Hell (sonata in c#), Pearl Before The Swine, Be Still And Know, Who We Are

 

Commento: Se il Fantasma dell'Opera fosse nato metallaro, avrebbe suonato nei Machine Head. Pare di vederlo, curvo sulla chitarra - in mancanza di organo et similia - a suonare Be Still And Know. Il pezzo d'apertura di questo Unto The Locust è, senza tema di esagerazione, un capolavoro assoluto. Non che mi aspettassi di peggio, dopo The Blackening, dalla band di Burn My Eyes. Ma un pezzo così è capace di fare la gioia di qualsiasi fan della banda statunitense. Come dicevamo prima, il Fantasma dell'Opera ci andrebbe a nozze. Unto The Locust, lavoro numero sette della band, non delude: abbandonate le derive nu-metal, che avevano comunque portato a qualche bella canzone, i Machine Head si riappropriano in toto della loro identità con una cattiveria talmente curata da farti venire voglia di definirla, per quanto possa suonare ridicolo, elegante. La chitarra di Demmel, che non ha mai fatto schifo di per se, in questo disco fa miracoli in pezzi come la sopracitata Be Still And Know e Who We Are, che si apre con un inquietantissimo coro di ragazzini probabilmente scappati dalla colonna sonora di Profondo Rosso. I Am Hell (sonata in C#), ha al suo interno un intreccio di chitarre talmente preciso e un entrata della voce talmente minacciosa da essere definibile con il solo aggettivo trionfale. Perdonatemi la scarica di elogi, ma era un pezzo che non sentivo un disco composto, arrangiato, suonato e registrato così bene. E, tanto per rendere l'idea del livello di fissazione a cui sono arrivata, me lo sto riascoltando da capo anche ora che scrivo la recensione per il nostro simpatico sito. Il fatto è che avevo paura del nuovo disco dei Machine Head, come succede sempre quando non sai bene cosa aspettarti. Ora l'unica cosa che aspetto è il tour!


Somiglia a: La cavalcata delle Valkyrie quando le Valkyrie hanno il ciclo e le scatole girate


Dove ascoltarlo: Signori, non fatelo in bicicletta. Io l'avevo in cuffia e ho rischiato di diventare violenta quando un branco di gente che faceva jogging si è piazzato in mezzo alla ciclabile occupandola tutta. Lo faccio per la vostra vita sociale.

 Valentina Ceccatelli