On Air Stiamo trasmettendo:
Spazio Progressive

Parola di DJ
Le trasmissioni consuete di RADIO GAS riprenderanno regolarmente lunedì 31 Agosto. In loro sostituzione andranno in onda le nostre selezioni musicali.

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



Marc Olson – Many Colored Kite

 

Anno di pubblicazione: 2010

 

Etichetta: Ryko

 

Provenienza: U.S.A.

 

Genere: Folk

 

Voto: ***

 

Brani migliori: Bluebell Song, Beehive, No Time To Live Without Her, Wind And Rain.

 

 

A tre anni di distanza dal suo primo lavoro solista, The Salvation Blues (Hacktone Records 2007), in cui l'ex fondatore dei Jayhawks e dei Creekdippers aveva messo se stesso e l'amarezza per il divorzio dall'ex moglie Victoria Williams, Marc Olson torna con un nuovo disco che guarda indietro e si rifà soprattutto a uno stile tipico della scuola folk inglese degli anni Sessanta.

In Many Colored Kite, questo il titolo dell'album, Olson ha riunito accanto a se un pugno di amici fidati, come la compagna Ingunn Ringvold, cantante e polistrumentista norvegese, che ritroviamo molto spesso ai cori, e il violinista italiano Michele Gazich. Oltre a loro sono presenti anche alcune ospiti d'eccezione come la cantante inglese Vashti Bunyan, scomparsa dalle scene per anni dopo il suo album d'esordio del 1970 e ritornata con un nuovo lavoro nel 2005, presente nelle due migliori tracce dell'album, ossia Bluebell Song e No Time To Live Without Her, e la folksinger texana Jolie Holland che ha duettato con Olson nel brano d'apertura Little Bird Of Freedom.

Nel complesso l'album presenta arrangiamenti interessanti seppur scarni, in cui la chitarra ovviamente la fa da padrone,  resi però eleganti dal frequente ricorso all'uso di archi. Certo la vena creativa di Olson non è a suo apogeo per quello che riguarda i testi, e la sua voce a volte sembra non essere all'altezza dell'accompagnamento, troppo roca e nasale per raggiungere le tonalità più alte, ma in fin dei conti è il tratto più tipicamente folk di tutto l'album (vedi per esempio la semplicità acustica di Morning Dove).

Certo dopo la reunion con Gary Louris avvenuta nel 2008 per l'album Ready For The Flood tutti i fans di vecchia data avrebbero preferito a questo album un nuovo lavoro dei Jayhawks, ma tutto sommato non si ci può lamentare.

 

 Francesca Ferrari