On Air Stiamo trasmettendo:
Slow Emotions

Parola di DJ
Le nostre trasmissioni consuete sono riprese da oggi dopo la pausa natalizia

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



Matthew Herbert - One One

 

 

Provenienza: Inghilterra

Anno: 2010

Genere: canzoni elettroniche

Assomiglia a: Blue Nile, Robert Wyatt, Lost in Translation o.s.t.

Voto: ****

Brani migliori: Leipzig, Palm Springs, Berlin, Valencia

 


La sorpresa dell'anno. Immaginatevi una qualsiasi delle città che danno il titolo ai brani di questo One One, immaginatevi a girarla a un'imprecisata ora della notte, abbagliati dalle "neon lights", stanchi ma felici di far andare le gambe e ritardare, ancora, il rientro in una camera d'albergo vuota che vi aspetta.

Questa l'atmosfera delle trasognate canzoni elettroniche di Matthew Herbert, alias Herbert, alias Radioboy, alias Wishmountain e chissà che altro ancora. Uno di quelli che dici che magari ne fa troppe e invece, all'improvviso, piazza il colpo. Qui mixa Robert Wyatt e Boards of Canada, Cluster e Talking Heads, e se ne esce con un esempio da manuale di saudade urbana. Un disco straniante e pensoso, di fascino singolare, che si fa riascoltare una, cinque, dieci volte. Fino a trasformarci nel Bill Murray di Lost in Translation, a ricordare quella volta, ahimè, che Scarlett...

 Luca Perlini