On Air Stiamo trasmettendo:
Marco Monzali

Parola di DJ
Siamo tornati! Stamani riprendono le trasmissioni consuete di RADIO GAS

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



PETER HAMMIL & GARY LUCAS Other World

Anno di pubblicazione: 2014

Provenienza: Gran Bretagna / U.S.A.

Genere: prog rock, ambient

Voto: ***

Brano migliore: Reboot


Commento: Se Peter Hammill incontra l'incostante genio chitarristico di Gary Lucas (Captain Beefheart, Jeff Buckley) è lecito aspettarsi musica spigolosissima e pregna di scarti inattesi. Ed invece la prima sorpresa è l'ordinarietà acustica di Spinning Coins, replicata poco dopo dalla (quasi) dolcezza di Of Kith And Kin. I due musicisti suonano da soli tutti gli strumenti e sembrano replicare le atmosfere del mitico incontro tra David Sylvian e Robert Fripp (1993 - 1994). Il David Sylvian interpretato da Hammill è però molto poco rassicurante e spesso imparentato con quello urticante che abbiamo imparato a conoscere con il suo Blemish. La seconda parte della scaletta si stempera in una serie infinita di bozzetti ambient, che alla lunga tendono leggermente a tediare. Piace di più quando il duo indossa i panni di un decadente glam rock molto ‘70s. Una vita all'opposizione non si cancella facilmente e questo è esattamente il tipo di disco che merita di essere definito "progressivo" pur non essendo classicamente prog rock.


Assomiglia a: Heroes di David Bowie o a The First Day del duo Sylvian / Fripp, anche se le chitarre sono spesso acustiche (come ama fare Lucas).

Dove ascoltarlo: sotto ad una tenda mentre fuori si scatena una terrificante grandinata.

 Lorenzo Allori