On Air Stiamo trasmettendo:
Nightswimming con Andrea Gori

Parola di DJ

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



PORCUPINE TREE Octane Twisted

Anno di pubblicazione: 2012

Provenienza: Gran Bretagna

Genere: progressive rock

Voto: ***1/2

Brano migliore: The Séance / Circle Of Manias


Commento: I Porcupine Tree hanno avuto l'indubbio merito di rilanciare il prog rock in un momento in cui sembrava morto e sepolto. Se oggi esiste il movimento neo-prog lo si deve infatti particolarmente alla cocciutaggine di Steven Wilson e dei suoi innumerevoli progetti musicali. La carriera dei Porcupine Tree non ha pienamente convinto dopo il 1996 (con l'unica notevole eccezione di In Absentia del 2002): il gruppo ha infatti sporcato il proprio prog rock con dosi sempre massicce di elettricità, finendo per avvicinarsi al prog metal, senza possederne la ferocia ed il funambolismo strumentale. Anche l'ultimo album in studio The Incident non aveva particolarmente colpito chi scrive, anche se era un deciso ritorno alle origini. Questo doppio album dal vivo invece è sicuramente un esercizio di stile convincente e lo si capisce fin dalla bella resa live della poderosa suite The Incident (divisa in quattordici movimenti). Certo non mancano stucchevoli progressioni metalliche, ma ogni tanto ritorna la magia psichedelica che li aveva, a suo tempo, fatti soprannominare come i "nuovi Pink Floyd".


Assomiglia a: Pink Floyd + Rush

Dove ascoltarlo: all'interno del meccanismo di un enorme orologio a pendolo.

 Lorenzo Allori