On Air Stiamo trasmettendo:
Marco Monzali

Parola di DJ

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



STRATOVARIUS Elysium

Anno di Pubblicazione: 2011

Provenienza: Finlandia

Genere: Power Neoclassical Metal

Voto: **1/2

Brani Migliori: Fairness Justified, The Game Never Ends, Lifetime In A Moment, Elysium

 


Sono trascorsi ormai quasi tre anni da quando Timo Tolkki, fondatore degli Stratovarius (attivi sin dalla metà degli anni '80) ha lasciato il gruppo per problemi personali con gli altri componenti. Lui in tutto questo tempo ha fondato e sciolto nel giro di due anni i Revolution Renaissance (con cui ha pubblicato tre album a mio parere pregevoli), pubblicato un nuovo disco solista (pessimo) e adesso pare che abbia fondato insieme ad Andrè Matos, un nuovo supergruppo power metal, i Symfonia (vedremo che tireranno fuori...). Quanto al resto degli Stratovarius beh, hanno pubblicato nel 2009 Polaris, album francamente mediocre (se si eccettua una bella canzone come Falling Star). Questo nuovo Elysium è sicuramente migliore del precedente, forte anche di una ritrovata armonia tra i veterani e i nuovi componenti della band. Ovviamente non aspettatevi di ascoltare una nuova Black Diamond! Infatti ancora non ci siamo neanche lontanamente ai livelli eccellenti a cui gli Stratovarius ci hanno abituati in passato. Intendiamoci, Timo Kotipelto ha ancora una voce fantastica e il resto della band suona con grande classe e la produzione è eccellente. Ma qualcosa non quadra. Nei pezzi più lenti e atmosferici, ci sono dei momenti assolutamente validi, come la struggente Lifetime In A Moment, o la lunghissima Elysium (18 minuti che sono anche troppi, ma comunque con momenti notevoli), ma i tipici pezzi power metal tirati e ultratamarri qui presenti, sono quanto di più banale e scontato si possa sentire. La mia opinione è che la band dovrebbe prendersi, dopo il tour di promozione di quest'album, almeno 3-4 anni di pausa per comporre materiale. Perché l'impressione è che manchi l'ispirazione e quando fai un genere complesso come il Neoclassic Metal, per di più ora senza il supporto di un genio della composizione e maestro di questo genere musicale come Timo Tolkki, beh pubblicare album a scadenza regolare di due anni senza subire cali compositivi è davvero un'impresa titanica. Quindi cari Stratovarius, prendetevi una pausa.

Componete insieme in studio tutti giorni, litigate, azzuffatevi, prendetevi a cazzotti, fate quello che vi pare. Ma tirate fuori un altro album degno del vostro nome.

 

 Mirko Ciardi