On Air Stiamo trasmettendo:
Non Solo Metal con Mirko Ciardi

Parola di DJ

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



Suzanne Vega – Close Up vol.1: Love Song

 
Anno di pubblicazione: 2010

Etichetta: Amanuensis Production

Provenienza: U.S.A.

Genere: Folk

Voto: ****

Brani migliori: Marlene on the Wall, Small Blue Things, (I'll Never Be Your) Maggie May, Freeze tag (Deluxe Edition)

 

 

Dopo alcuni problemi di vendite e qualche divergenza con la sua ex casa discografica, Suzanne Vega ha deciso di ripartire dall'inizio, e lo fa raccogliendo le perle disseminate lungo i suoi 25 anni di carriera, iniziata nel 1985 con il primo bellissimo album omonimo.

Il progetto è quello di una raccolta, Close Up, articolata in quattro album (che dovrebbero vedere la luce entro il 2012) ognuno dedicato a un tema. Il primo capitolo di questo lavoro è Love Songs in cui la cantautrice californiana ha raccolto tutti quei brani, che seppur non proprio d'amore, coinvolgono, in positivo o in negativo, tutta quella serie di emozioni che riguardano il rapporto tra due persone.
Le dodici tracce dell'album (sedici nell'edizione deluxe acquistabile solo si iTunes) ripropongono alcuni dei più bei brani della Vega in chiave acustica, contesto che ben si addice al suo modo di cantare dolce e minimalista.

I vecchi brani, come ad esempio Some Journey, Small Blue Things e soprattutto Marlene on the Wall, sembrano quasi splendere più in questa nuova veste, che nella versione originale dell'album d'esordio. Degna di nota è anche la disincantata e malinconica (I'll Never Be Your) Maggie May, dall'album Songs in Red and Grey.
Ogni brano rinasce a nuova vita, semplicemente con un paio di chitarre acustiche a qualche tocco di basso, perfetto sottofondo alla voce di Suzanne Vega, che sembra aver acquistato con gli anni una nuova consapevolezza della vita e dell'amore. Una canzone tira l'altra, in un rincorrersi di emozioni e sensazioni, richiamando a tratti lo stile sussurrato ed etereo di Joni Mitchell e quello raffinato e cantautorale di Leonard Cohen.

Un album che è più di un mero progetto commerciale, più di una raccolta, quasi una presa di coscienza del tempo che passa ingiallendo ricordi e fotografie. Non ci resta che attendere People and Places, che dovrebbe uscire entro la fine del 2010, sperando che la magia si ripeta!

 Torna al Vol.2
  Francesca Ferrari