On Air Stiamo trasmettendo:
Marco Monzali

Parola di DJ

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



THE FLOWER KINGS - Banks Of Eden

Anno di pubblicazione: 2012

Provenienza: Svezia

Genere: progressive rock

Voto: ***1/2

Brano migliore: For The Love Of Gold


Commento: Non se ne fanno più di album così nel 2012. Non scherzo. Non c'è traccia di neo prog o di prog metal in questo ritorno della band svedese che, dopo ben cinque anni di assoluto silenzio, torna con un disco di quelli che avrebbero fatto furore nel 1973. Le cose sono messe immediatamente in chiaro con l'iniziale lunga suite Numbers (oltre 25 minuti in perfetto stile Supper's Ready). Ci sono poi episodi più pop (For The Love Of God, Fireghosts) che rimandano agli Yes degli anni '80 o ai Marillion, ma il nocciolo duro del disco è rappresentato da pezzi la cui grandeur negli assoli ha un sapore inconfondibilmente 70's (Pandemonium, Rising The Imperial). Da preferire la versione in doppio cd, che presenta ben quattro brani in più (tra cui una Illuminati che sembra una outtake da Wish You Were Here dei Pink Floyd).

Assomiglia a: vedi sopra.

Dove ascoltarlo: come colonna sonora di un film epico orientale.

 
 Lorenzo Allori