On Air Stiamo trasmettendo:
Gas Station con Alessandro Pianti

Parola di DJ
Le trasmissioni consuete di RADIO GAS riprenderanno regolarmente lunedì 31 Agosto. In loro sostituzione andranno in onda le nostre selezioni musicali.

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



The Walkmen - Lisbon

 

Anno di pubblicazione: Settembre 2010

Etichetta: Fat Possum Records

Provenienza: U.S.A.

Genere: Indie Rock

Voto: *** ½

Brani migliori: Juveniles, Stranded, Lisbon, Victory.

 
 

Dopo cinque album osannati da pubblico e critica (che li ha più volte paragonati ai più noti Strokes, e vocalmente ai Cure di Robert Smith), ecco che i Walkmen tornano con un nuovo lavoro, assai distante dai precedenti, optando questa volta per un suono meno rock e distorto, a favore di un'atmosfera assolata ed estiva, in fin dei conti europea, prefetta per descrivere in musica Lisbona, città a cui l'album è dedicato sin dal titolo, Lisbon per l'appunto.

Come per tutti i gruppi a un certo punto arriva (o dovrebbe arrivare) il cosiddetto album della maturità, e probabilmente per i Walkmen quest'album è proprio Lisbon.

La voce di Leithauser si è fatta meno roca e urlata, assumendo valenze teatrali da cantastorie, il ritmo dei brani, per quanto a volte sostenuto, sembra dilatarsi in una parentesi atemporale, suggerendo ricordi sbiaditi. A farla da padrone, oltre la voce, è sicuramente la chitarra, elettrica e acustica, esplorata in tutte le sue sfumature.

Oltre questo, in Lisbon c'è molto di più, cioè un po' di tutto: dalla pomposità orchestrale di un anthem come Stranded (primo singolo estratto dall'album), all'andamento malinconico di Juveniles e della title track, Lisbon, in cui la voce di Leithauser sembra a tratti perdersi tra le stratificazioni sonore; c'è poi il ritmo incalzante di Angela Surf City e Blue As Your Blood, e la prova "cantautoriale" di While I Shovel The Snow; ed infine c'è anche un immancabile tocco di colore vintage, dal sapore indiscutibilmente anni Cinquanta, presente soprattutto in Victory e nei cori ovattati di Torch Song.

Insomma Lisbon è un album dalle molteplici sfaccettature, sotteso però in un equilibrio perfetto, e, grazie a un forte senso unitario, non ci troviamo mai di fronte e dejavu del tipo "suona come": dal primo all'ultimo minuto siamo assolutamente sicuri di ascoltare i Walkmen con il loro stile ricercato, affascinante e maturo.

 

 Francesca Ferrari