On Air Stiamo trasmettendo:
Nightswimming con Marco Monzali

Parola di DJ

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



UMPHREY'S McGHEE Death By Stereo

 

Anno di pubblicazione: 2011

Provenienza: U.S.A.

Genere: prog, jam band

Voto: ***1/2

Brano migliore: The Floor

 

Commento: gruppo dalla tecnica sopraffina, gli Umphrey’s McGhee sono da anni una delle più credibili jam band made in USA. La loro caratteristica principale è quella di amare le atmosfere del prog rock anni ’70 (soprattutto Genesis, Hatfield & The North e Caravan) e quindi la loro musica è sempre stata una sorta di “prog improvvisato”, con brani lunghi e pieni zeppi di cambi di tempo e stacchi mozzafiato. Non sono mai stati rilassati in stile Grateful Dead questi ragazzi e forse proprio per questo adesso hanno deciso di virare decisamente verso un inatteso indie rock con decise spruzzate funk e new wave. Le canzoni sono divenute molto più concise e quasi ballabili, anche se talvolta rimangono tracce della sopraffina classe strumentale. Questo album non è certo il capolavoro degli Umphrey’s McGhee (quello si chiama The Bottom Half ed è uscito nel 2007), ma è un disco degno di nota per il suo coraggio ed è l’evidenza di una necessità di cambiare che solo i più grandi riescono a cogliere al momento giusto. Potrebbe essere l’inizio di una nuova strada da percorrere con piacere insieme a loro.

 

Assomiglia a: Phish, MOE, Oysterhead

Dove ascoltarlo: in un vicolo della periferia di una grande città
 Lorenzo Allori